#8/1 – Alessandra PAGANARDI

POTEVAMO DIRE L’ASSENZA

Potevamo dire l’assenza
del ragno nel cunicolo,
la bara d’aria del macaone,
il rammendo ammiccante della forbice
sui filari saccheggiati

potevamo dire
l’aria molle del porto
il granello sciolto nella risacca
l’impronta dello scoglio sulla nube

siamo stati la traccia inamovibile
del rigo sul foglio
il rattrappirsi vano della neve
divelta dalla pala nel cortile

il semaforo non dissolve
spezza in due la risposta del colore –
non è danza lo scatto del burattino
non è respiro la molla franta in volo

qui lo sguardo si ferma:
essere fiore e pietra
fuori tempo –
maldestramente amare.

[da Ospite che verrai, Novi Ligure, Joker Edizioni, 2007²]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...