#34/6 – Juan GELMAN

IL ROSPO

Colui che dilata l’estate
fra sé e sé, perde
ciò che non ebbe. Un paesaggio nuovo
gli indica altri esili.
Il giorno che passa, la
crescita del mostro mondiale,
gli mettono una corda al collo.
Lui insiste nella sua irrealtà
con un rospo in mano.

[da Valer la pena, Parma: Guanda, 2007, p. 201]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...