#41 – César VALLEJO

L’anima che soffrì d’essere il suo corpo

Tu soffri di una ghiandola endocrina, è ovvio,
o, chissà,
soffri me, la mia sagacità acuta, tacita.
Tu sopporti il diafano antropoide, là, vicino,
Dove la tenebra è tenebrosa.
Tu ruoti intorno al sole, afferrandoti l’anima,
estendendo i tuoi calli corporali
e aggiustandoti il collo; questo è ovvio.
Tu sai ciò che ti duole,
ciò che ti salta all’anca,
ciò che scende attraverso te con una corda al suolo.
Tu, pover’uomo, vivi; non negarlo,
se muori; non negarlo,
se muori alla tua età, ahimè, e nella tua epoca.
E, sebbene tu pianga, bevi,
e, sebbene tu sanguini, nutri il tuo ibrido canino,
la tua triste candela e le tue parti intime.
Tu soffri, tu sopporti e ancora soffri orribilmente,
disgraziata scimmia,
ometto di Darwin,
sbirro che mi spia, atrocissimo microbo.
E tu lo sai a tal punto,
che lo ignori, scoppiando a piangere.
Tu, allora, sei nato; questo
Pure è ovvio all’apparenza, infelice e zitto,
e sopporti la strada che ti diede la sorte
e chiedi al tuo ombelico: dove? Come?

Amico mio, sei interamente,
fin sui capelli, nell’anno trentotto,
nicola o santiago, questo o quello,
sia con te o col tuo aborto o con me
e prigioniero nella tua enorme libertà,
trascinato dal tuo ercole autonomo…
Però se tu conti sulle dita fino a due,
è peggio; non negarlo, fratellino.

Perché no? Perché sì, ma perché no?
Povera scimmia!… Dammi la zampa!… No. La mano, ho detto.

Alla salute! E soffri!

su Nazione Indiana, traduzione di Giuseppe Scaglione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...