#99 – Daniela ATTANASIO


INCAPACITÀ DI FAR FRUTTARE IL SILENZIO


Guarda come risalta l’ombra del
violoncello sulla pedana
la forma lirica della cassa, la
legatura esausta delle sue corde –
non vedi?
cammini con il passo di chi ha
l’abitudine alla corsa
e non si ferma a guardare

un’idea dopo l’altra i piedi remano al
ritmo della marcia – più veloce
più lenta -, il giorno è immobile sul
cosmo del marciapiede dove
tu vedi all’altezza degli occhi la
donna che ti passa accanto

in trasparenza, un po’ corpo un po’
abbaglio, il passo inconsapevole
sul bordo bianco di marmo, la fronte
illividita dal freddo
dietro lo sguardo indistinto dei
sonnambuli
le mani che dormono come ali
reclinate nelle tasche –
questo lo vedi? come la chiami una
donna così?
se parla, lo sai di cosa parla e dove
vive il suo idioma?
e sai a che prezzo si accuccia nel suo
letargico silenzio?

Ora di lei restano
le fibre secche dell’albero piantato in
pozze di cemento
il cielo stagnato in globi d’acqua
una strada di sogno nel frastuono
che cresce.

[su Il Sole-24Ore del 15/09/2013, p. 33]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...