#106/2 – Louise GLÜCK

MUTEVOLE CUORE

Sei guarita o pensi solo di essere guarita?

Mi sono detta
che dal nulla
nulla può essere portato via.

Ma puoi già amare qualcuno?

Quando mi sento al sicuro, posso amare.

Ma toccherai qualcuno?

Mi sono detta
che se non avevo nulla
il mondo non poteva toccarmi

Nella vasca, esamino il mio corpo.
Dovremmo farlo tutti.

E anche il tuo viso?
Il tuo viso nello specchio?

Ero vigile: quando mi toccavo
non sentivo nulla.

Eri al sicuro allora?

Non ero mai al sicuro, anche quando ero più nascosta.
Anche allora stavo aspettando.

Quindi non potevi proteggere te stessa?

L’assoluto
consuma; il confine, il muro
intorno al sé consuma.
Se avessi aspettato sarei stata
invasa dal tempo.

Ma pensi di essere libera?

Penso di riconoscere i meccanismi della mia natura.

Ma pensi di essere libera?

Non avevo nulla
e ugualmente sono stata cambiata.
Come un costume, il mio stordimento
fu portato via. Poi
la fame fu aggiunta.

[in Nuovi poeti americani, traduzione di Elisa Biagini, Torino: Einaudi, 2006, pp.133-135]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...