#117/2 – Tiziano FRATUS

SONO TORNATI A MASTICARE RADICI SULLE ALPI MARITTIME 

Un amico gli ha spedito la fotografia di un lupo, un lupo albino, 
bianco, rapito dallo scatto di una macchina nascosta in una gabbia 
per usignoli: il ruscello alle sue spalle si disgela gradatamente 
in quello che diventerà il principio di un ruscello, quasi al rallentatore, 
come se fosse vivo e avesse timore di disturbare lo schiudersi del 
bosco, con la sua vita moltiplicata, e anche questo lupo che è 

sbucato dai faggi e dagli abeti che si innestano dove non svettano 
roverelle e querce: lo sa che è qui soltanto per pucciare il muso 
nell’acqua gelata, strisciando il pelo contro il tronco fiaccato 
sui sassi del bordo: un rumore improvviso, il naso che punta dove 
gli occhi stanno per arrivare, due macchie della notte: e gli sembra 
di rubare davvero l’anima a questa bestia, al suo vagare studiato, 

superando la soglia del lupo che noi umani possiamo conoscere: 
da quando il lupo è stato reintrodotto i pastori hanno imparato che c’è 
un tempo su misura per sventolare i bastoni, quando la lingua non 
ne può più di sacramentare, di abbattere i santi alla destra e i santi 
alla sinistra del Padre: una bella carambola a bocce di legno: e 
qualcuno ti viene a raccontare che lo conosceva, di persona, 

il padre del ristoratore che ha fucilato l’ultimo lupo lassù, 
in una valle del monregalese, nel ventuno: sta ancora imbastito 
come un uccello, in attesa d’entrare in un museo di storia naturale: 
e devi andare a mangiare una polenta concia, o un risotto al sugo 
di cinghiale, prima che il figlio ti racconti tutto, per filo e per 
segno, di quel giorno, di quella lupa così veloce e feroce, del 

suo ringhio che ancora la notte lo viene a svegliare nel sonno: 
lei lo crede che anche i lupi abbiano un’anima? Uno spirito 
che sopravviva alla morte del corpo? 

[da L’uomo radice, in GRADIVA n.37/38, 2010, p. 18]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...