#241 – Héctor A. MURENA

Solo resiste al tempo
quel che si fa
col tempo.
E quello che si fa
con l’eternità?
La poesia viene
quando restiamo
nell’inesauribile
compagnia della solitudine.
Viene come un sùbito
taglio, dove si mischiano
con fredda febbre,
sangue con sangue,
due separati
mondi.

[da El escandalo y el fuego, traduzione di Cristina Campo, in La tigre assenza, Milano: Adelphi, 1991-2007 (4), p. 108]

Annunci