#242 – William Carlos WILLIAMS

NEBBIA SUL FIUME 

Il fiume – specchio specchia il cielo freddo
tra nebbie che imbrigliano il sole
– sole di mattina presto –
velando nei loro veli

la buia linea delle sponde. Ma
la necessità, tu dici, grida
forte e invoca riparo – grande più
del canto, più grande forse d’ogni canto.

Mentre il canto, affidato a sé, il fiume
specchio fasciato di sole,
il fiume nel suo corpo anche grida
in silenzio

dai veli che l’oscurano. Tu
insisti sulla mia ratifica abusiva.
Molti anni, lo vedo, molti anni
di lettura non ti fecero saggia.

[Traduzione di Cristina Campo, in La tigre assenza, Milano: Adelphi, 1991-2007 (4), p. 115]

Annunci