#256 – Leopoldo ATTOLICO

LASCITO

A quanti mi conobbero
ho sempre dato
un viso dimezzato
una cedola vana
un buono per l’ingresso già scaduto.
Non ho mai visto sul viso
il sangue di nessuno
il va’ pensiero
il paso doble che illumina il vissuto
in qualche modo ricreato insieme.
Non l’ho mai cercato
né voluto.
Ho amato di ogni altro
e di me stesso
sempre quel poco di mistero
che si affida a un diario,
al peso di un fondale geloso
del suo buio freddo calore,
come un sole perduto.

[da Piccola preistoria. 1963-1967, Roma: LaRecherche ebook, 2012 (2); ora, col titolo Solitudine, anche in L’area di Broca n. 105, p. 8]

Annunci