#267 – Alfonso GATTO

FINALE

Se a voltarmi più non ti vedo
chi di noi due manca,
chi dal suo pensiero un fatto
ha visto correre sì veloce
da spingersi oltre le nebbie
dei morti che guardano indietro?

Se a voltarmi più non ti vedo
chi di noi due manca?
Col suo povero arredo
di morto
chi di noi due imbianca
lontano dalla sua voce?

[da Osteria flegrea (1954-1961), in Tutte le poesie, Milano: Mondadori, 2005, p. 413]

Annunci