#279 – Nino PEDRETTI

E’ MI BA 

E’ mi ba ch’u m’à svargugnè
Ch’l’à pers tótt al batai
e’ mi ba ch’l’éra busèdar
e’ mi ba che biastmévva i soènt
e pu u s mittévva d’inznòc
davènti al madunini
e’ mi ba ch’l’éra bèl
e u s guardéva te spèc
e’ mi ba ch’l’éra purétt
ch’l’éra ambiziòus, che cantévva
e’ mi ba ch’u m’à insgné gnént
e’ mi ba ch’i l freghévva tótt
e’ mi ba ch’u n savévva e’ latéin
e pòch ènch l’italièn,
che dall’America l’è tòuran
s’un penni e trè paróli d’ingléis
e’ mi ba che vlévva “commendatòur”
scrétt sòura la bósta
e’ mi ba, fra i ba e’ piò sgangarèd,
l’à scrétt dréinta ad mè
tótt al mi poeséi.

(MIO BABBO. Mio babbo che mi ha svergognato, | che ha perso tutte le battaglie, | mio padre che era bugiardo, | mio padre che bestemmiava i santi | e poi si metteva in ginocchio | davanti le madonnine, | mio padre che era bello | e si guardava nello specchio, | mio padre che era povero, | che era ambizioso, che cantava, | mio padre che non mi ha insegnato nulla, | mio padre che tutti lo fregavano, | mio padre che non sapeva il latino | e poco anche l’italiano, | che dall’America è tornato | con un penny e tre parole d’inglese, | mio padre che voleva «commendatore» | scritto sopra la busta, | mio padre fra i padri il più sgangherato | ha scritto dentro di me | tutte le mie poesie.)

[in ‘Al Vouṣi’ e altre poesie in dialetto romagnolo, Ravenna: Edizioni del girasole, 1975, pp. 190-191]

[su Cfr., segnalatami da Antonio Lillo]

Annunci